PER GLI STUDENTI CHE VIVONO COME SFOLLATI, ALMENO UN GIORNO DI NORMALITA’.

Solo nella mia città 1200 studenti del Liceo “Mancini” sono rimasti senza “casa”, senza un istituto scolastico sequestrato a causa di problemi di sicurezza della struttura.
Oggi una comunità intera è alle prese con le conseguenze del disastro. Disastro causato dalle evidenti incapacità della politica, indipendentemente dalla loro volontà. Quindi, oltre a fare di tutto per consentire il loro ritorno alla normalità, vorrei proporre ai loro presidi di organizzare una giornata a Palazzo Montecitorio. Io farò da tramite tra la scuola e l’istituzione per la visita.
La Camera dei Deputati è la casa di tutti.
Per cui, almeno per un giorno, possono tornare alla normalità.
Vorrei che venissero con l’auspicio di ritornare da futuri parlamentari e battersi affinché nessun ragazzo debba mai più trovarsi nelle condizioni in cui si trovano loro oggi.
Una visita per capire che le istituzioni sono composte da uomini. Uomini che prima erano ragazzi come loro e che hanno studiato come stanno facendo loro. Non devono odiare “il palazzo” che oggi è colpevole di lasciarli in strada, da soli, ma devono capire che il palazzo gli appartiene già. E devono impegnarsi fin da subito per renderlo migliore quando sarà il loro momento.

Un piccolo gesto simbolico per dimostrare la mia vicinanza giornaliera agli studenti, ai docenti e alle loro famiglie.

Per ricevere una volta alla settimana le news via mail, inserisci il tuo indirizzo qui sotto.