defi

Lunedì 7 marzo 2016 alle ore 11:00 consegneremo il terzo dei quattro defibrillatori acquistati grazie alle vostre donazioni per “La Partita del Cuore e delle Stelle” giocata al Partenio lo scorso ottobre.

Dopo la consegna dei primi due defibrillatori donati al Comune di Pago Veiano (BN) e alla Polisportiva “Toriello” di Santo Stefano del Sole, il terzo strumento salvavita sarà consegnato al Conservatorio di Musica “Domenico Cimarosa” di Avellino.
La consegna avverrà lunedì prossimo, 7 marzo 2016, alle ore 11 presso il prestigioso istituto di Piazza Castello nelle mani del direttore Carmine Santaniello, che ha dettoì: “Ringrazio l’onorevole Carlo Sibilia e il gruppo dei parlamentari che hanno messo in campo l’iniziativa per l’attenzione dimostrata verso nostro Conservatorio con il dono di uno strumento riconosciuto oggi indispensabile in caso di bisogno; ancora più necessario in un istituto che conta ben 1200 iscritti provenienti da tutta la regione e anche dall’estero, 140 unità di personale docente e 33 di personale non docente. Il Cimarosa, che oggi è la realtà formativa di livello superiore nella provincia di Avellino, soprattutto da quando gli è stato riconosciuto il livello universitario, forma le future generazioni all’arte della musica, ma nel contempo cerca di colloquiare con la città attraverso le diverse manifestazioni musicali e culturali che la coinvolgono; ci riempie di gioia perciò avere dei riscontri dalle realtà che operano sul territorio”.
Queste parole spiegano bene il perché della scelta.
La partita dello scorso ottobre è stata una incredibile manifestazione di solidarietà e partecipazione da parte di chi, con una piccola offerta, ha contribuito a dotare alcune strutture di uno strumento indispensabile per salvare vite umane. Questa è la forza della comunità unita delMoVimento 5 Stelle.
Sono contento che il terzo defibrillatore venga donato ad una importante realtà formativa come quella del Conservatorio di Avellino, uno dei nostri fiori all’occhiello nel settore della cultura. Occorre attrezzare gli istituti scolastici di apparecchiature simili perché una scossa di defibrillatore entro i 3 minuti salva il 60 per cento di chi è colpito da infarto. Poi, ogni minuto che passa riduce la possibilità di sopravvivenza del 10-20 per cento. Noi stiamo facendo la nostra parte.

Per ricevere una volta alla settimana le news via mail, inserisci il tuo indirizzo qui sotto.