Archivio del tagPMI

La mazzata per le imprese nella “manovrina”

E’ arrivata alla Camera la manovra cosiddetta “correttiva” con la quale il governo italiano si inginocchia ancora una volta di fronte ai diktat dell’austerity Ue. Con la scusa del recupero dell’evasione fiscale, il provvedimento contiene una mazzata per piccole imprese e professionisti. Pur di rispettare i patti fatti con l’Europa vengono sistematicamente realizzate delle vere e proprie razzie nelle tasche dei cittadini italiani, razzie che anche questa volta non ci salveranno dal prossimo aumento dell’IVA.

Leggi tutto

Tempo di restituzione

E’ tempo di restituzioni e di promesse mantenute. Come i miei colleghi del Movimento 5 Stelle, ho ridato agli italiani e alle piccole e medie imprese oltre 100mila euro che non ho speso nell’esercizio del mio mandato parlamentare da maggio 2013 a dicembre 2015. All’inizio tutti i partiti ci hanno deriso per via degli scontrini, ma i cittadini ci hanno capito e questa è la cosa più importante. Hanno capito che il nostro gesto vuole non solo normalizzare la politica ma soprattutto dare una mano concreta per far ripartire questo Paese. Una delle vittorie più esaltanti è stata proprio l’attivazione del fondo per il microcredito per finanziare nuove imprese o implementare quelle esistenti e i risultati sono sotto gli occhi ...

Leggi tutto

Quanto perde lo stato italiano ogni volta che un’azienda chiude?

Riporto una semplice riflessione di una delle tante imprese italiane che cerca di ragionare per capire cosa è meglio fare per il proprio futuro. Conviene produrre in Italia? Conviene assumere persone? Conviene delocalizzare oppure investire nel nostro paese? Vediamo, conti alla mano, cosa conviene fare. Perché sicuramente delocalizzare non è una cosa piacevole, però bisogna anche vedere se lo stato in cui produci ti permette una giusta esistenza. Cerchiamo di capire che tanti fattori come, ad esempio la giustizia, il costo del lavoro, ma in primis le politiche fiscali di un paese sono quelle che determinano la convenienza o meno nel restare in un posto a fare impresa e quindi creare lavoro e valore aggiunto. “Nella nostra piccola azienda manifatturiera (65 ...

Leggi tutto

Riprendetevi ciò che è vostro.

Ricordo bene gli sberleffi di stampa e denigratori di vario genere. Anche quelli sono serviti a crescere e a farci capire che noi eravamo forti, più forti di qualsiasi infamia. Avevamo un obiettivo. Restituire ai giovani come noi una speranza. Non era una questione di soldi. Volevamo che tutti sapessero che c’era ancora qualcosa o qualcuno di cui fidarsi. Un motivo per restare in questo paese martoriato. Un motivo per essere orgogliosi di essere italiani. Qualcosa per cui dare un senso a tutti i sacrifici fatti da ognuno di noi e dalle nostre famiglie. Siamo andati avanti. Testa bassa. E finalmente abbiamo dato un senso di forza e concretezza alla politica italiana. Finalmente i soldi dei politici serviranno ai cittadini ...

Leggi tutto

This is a unique website which will require a more modern browser to work!

Please upgrade today!