“I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi.
La Repubblica rende effettivo questo diritto con borse di studio, assegni alle famiglie ed altre provvidenze, che devono essere attribuite per concorso.” – #Costituzione italiana, art. 34 –
Questa è la lettera di Marco, l’ha letta Gianluca Vacca a Palermo.
Marco è un ragazzo che ha potuto frequentare l’ #università di Lecce grazie all’esonero dal pagamento delle tasse universitarie. Marco è riuscito a fare anche il dottorato in Italia, a Catania.
Marco vive in un’Italia in cui la percentuale dei laureati è arrivata al 42%, in cui le università sono in continua crescita, in cui i ragazzi del sud non sono più costretti ad emigrare.
Marco vive nell’ Italia del futuro e scrive questa lettera per ringraziare i ragazzi di oggi che lottano affinché il diritto allo studio, nel nostro paese, sia garantito a tutti.

Per ricevere una volta alla settimana le news via mail, inserisci il tuo indirizzo qui sotto.