Ho denunciato l’anomala (dal punto di vista legislativo) e squallida (dal punto di vista politico) elargizione diretta di 80.000 euro quando li denunciai io, oggi arrivati a 95.000 euro di soldi pubblici all’AIAS di Lady De Mita.
E sia chiaro, il fatto che si tratti del solito parente illustre del vecchio politicante locale, è solo un elemento di ulteriore squallore.
Ma la vicenda è di per se inspiegabile sotto qualsiasi profilo normativo. Infatti nella mia interrogazione presentata il 5 dicembre alla Camera dei Deputati chiedo l’intervento diretto della Corte dei Conti. Nell’agosto 2016 (la rete su questo non perdona) chiedevo conto di questo esborso proprio all’assessore alle politiche sociali dell’epoca. Quindi potremmo dire altro che “turarsi le orecchie e sigillarsi gli occhi”.
Desiderosa di risposta è anche l’affermazione “Per undici anni il servizio regionale sanitario ha sborsato almeno 17 milioni di euro a favore di un Centro di riabilitazione che non aveva titoli per operare in regime di accreditamento provvisorio.” contenuta nel pezzo.
E’ evidente che la vicenda sia intrisa della solita clientela.
Volete che lo dica io? Eccomi, anche se è quasi scontato.
I cittadini stanchi di lamentarsi sanno già a chi affidarsi per porre fine a queste vergogne tutte irpine.
I partiti sono conniventi. Dimostrino il contrario se ne sono capaci.
Con il Movimento 5 Stelle al governo della città questi scandali verrebbero cancellati il giorno dopo.
Non sapete quante altre associazioni ho incontrato alle quali farebbe molto comodo un supporto sacrosanto da parte del comune che però ha occhi solo per chi ha un certo cognome.
Alle volte basterebbe solo ricordarsi che la politica ha il dovere di fornire le stesse opportunità a tutti.
Soprattutto quando si tratta di servizi sociali.
A proposito: l’Associazione “Chris” ha poi ottenuto l’accesso al bagno per i disabili nella struttura che paga profumatamente al comune di Avellino? Franco Genzale ti potresti informare visto che ne avete scritto anche sul vostro giornale http://www.orticalab.it/Associazione-Chris-senza-bagno-per ?
Credetemi, lo dico senza polemiche, se qualcuno ha veramente intenzione di ripulire le “magagne” del Comune di Avellino in me e nel Movimento 5 Stelle troverà sempre un alleato. Lo abbiamo ormai dimostrato con i fatti.
E speriamo che tutti se ne ricordino quando busseranno alla porta per chiederci ancora una volta di vendere la nostra dignità.

https://www.ottopagine.it/av/politica/88446/servizi-sociali-sibilia-assessore-meno-promesse-e-piu-fatti.shtml

La questione Aias è uno scandalo a livello regionale che ha comportato per anni (e comporta tutt’ora) uno spostamento di ingenti somme di danaro pubblico (soldi delle casse della regione Campania) in materia di sanità. Spostamenti da casse pubbliche ad una struttura senza autorizzazioni da 15 anni. Alcuni quantificano finanziamenti pubblici che raggiungono la modica cifra di 24 milioni di euro.
Il caso, non da oggi, è all’attenzione delle forze dell’ordine.
La questione politica è invece all’attenzione dei consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle che stanno producendo tutti gli atti in loro potere per tentare di porre fine a questa elargizione illegittima.
Il caso “Noi con loro” è scandalo di stessa natura del quale ho avuto occasione di occuparmi con degli atti parlamentari inserendomi, non senza difficoltà, nelle pieghe regolamentari che non certo agevolano i parlamentari nel sollevare casi locali a livello nazionale. Se avessimo avuto consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle lo avremmo potuto fare con ancora maggiore incisività.
Entrambe le questioni coinvolgono Ente pubblico- soldi pubblici- Area sanità- noto politico locale (De Mita) e familiari.
Non avendo interessi particolari da salvaguardare intendiamo porre un freno a tutto questo clientelismo e illegalità dannose per l’Irpinia, per la Regione e per il paese.
La domanda vera che ci facciamo è: ma possibile che su queste cose che “sanno anche i bambini” e che vanno avanti da più di 20 anni nella nostra provincia non ci sia mai stata una forza politica capace quanto meno di sollevare nelle sedi opportune la vicenda? Tutti distratti o tutti complici?
Lo sanno tutti “i bambini, gli adulti, gli anziani, le donne, gli uomini, insomma perfino le pietre d’Irpinia”, tutti sanno e nessuno ha fatto niente?
Noi di sicuro non vogliamo essere ne l’uno né l’altro. Pertanto continuiamo a batterci per fare pulizia degli sprechi e del clientelismo a tutti i livelli. Di sicuro alla prima occasione di governo cancelleremo questi scandali in un lampo. Tralasciando inutili sarcasmi e polemiche, mi fa piacere aver dato occasione a qualche giornale locale di poter chiarire ancora meglio la vicenda a beneficio di tutti. Sarebbe bello sapere ora quali altre forze politiche irpine (non complici s’intende) si stiano occupando della vicenda così da fare fronte comune. C’è nessuno?

qui un articolo che (al netto di sarcasmi, ironie e provocazioni sulle quali soprassediamo) tenta di dare qualche dettaglio sulla vicenda http://www.orticalab.it/scandalo-aias-sibilia

Per ricevere una volta alla settimana le news via mail, inserisci il tuo indirizzo qui sotto.